Chi siamo

l'inizio della nostra storia

Don Lino Ramini, Fondatore della cooperativa 13 Maggio e Presidente, scriveva nell'anno 2002:

"La 13 maggio non è nata per caso. Avevamo necessità di qualcuno che ospitasse gruppi, parrocchie, associazioni consentendo autonomia e garantisse buone strutture, spazi adeguati, trattamento dal vitto ai servizi di buona qualità cercando di non speculare su di noi.

Non avevamo trovato fin ad allora nulla del genere nelle organizzazioni cui eravamo soliti rivolgerci, così abbiamo deciso di autogestirci e di ospitare anche quanti cercavano la stessa cosa.

Nasce ufficialmente nel 1981 la 13 MAGGIO. Esattamente in quella stessa data e ora in cui la televisione trasmetteva la notizia dell’attentato a PAPA GIOVANNI PAOLO II: da qui il nome.

Così strutture alberghiere in gestione, coordinamento dei trasferimenti in pullman, organizzazione della ristorazione e degli acquisti, collegamento dei gruppi, selezione e formazione del personale addetto diventano lo spazio operativo della Cooperativa.

La formula “Cooperativa” ci è sembrata quella più vicina alle nostre intenzioni e finalità e, per conservare le caratteristiche di servizio all’interno della Chiesa al riparo di tentazioni ed interessi privati, si è voluto che i soci della Cooperativa fossero le parrocchie, gli enti ecclesiastici, i gruppi cattolici legati alla Diocesi, rappresentati dai responsabili giuridici degli stessi.

Essa è nata a Civitanova Marche, dove tutt’ora ha sede in Corso Garibaldi, nella diocesi di Fermo con il consenso dell’Arcivescovo. Il riferimento alla diocesi resta elemento qualificante della Cooperativa."

L'evoluzione negli anni

Da quel tempo sono stati molti gli eventi sociali e storici che hanno mutato e maturato la cooperativa stessa. Il turismo stesso e le modalità di fruizione del tempo di riposo sono mutate variando la stessa offerta turistica sia alberghiera che del luogo.

La cooperativa si è adeguata cercando di soddisfare le nuove esigenze che provengono da tutto il mondo vacanziero compreso quello dell'esperienza cattolica.

La cooperativa nasce e cresce a contatto di realtà ecclesiastiche, di movimenti cattolici, di gruppi di animazione e delle attività parrocchiali e comunitarie.

Fortemente sostenuti dal primo ideale che è divenuto "radice" della cooperativa, gli operatori tutti hanno come riferimento l'Uomo come fornitore/fruitore di servizio sia esso turista presso gli alberghi della cooperativa, sia esso lavoratore negli alberghi della cooperativa.

Mare, montagna, collina...

Attualmente la cooperativa 13 Maggio gestisce 13 alberghi sull'arco alpino, in Umbria e nelle Marche. Altre collaborazioni e accordi di vendita danno una capacità ricettiva di circa 1.100 camere per un totale di più di 2.600 posti letto.

Le gestioni invernali sono 8 per un totale di circa 600 camere distribuite in località alpine che vanno dalle Alpi Graie alle Dolomiti Venete. Al mare la presenza è garantita nella Riviera delle Palme tra San Benedetto del Tronto e Grottammare mentre in collina siamo presenti a Bagni di Nocera Umbra e nella Valle del Chienti.

L'impegno sociale prima di tutto

Le attività a cui la cooperativa ha dato origine sono molteplici e attraverso queste attività manifesta il suo impegno sociale nel creare lavoro, apportare aiuto e ausilio in contesti ecclesiastici locali e internazionali, impegnandosi anche in ambiti sociali e di contrasto alla povertà e all'emarginazione.

La cooperativa anima diverse società, di cui è stata anche sollecitazione costituente e soggetto costitutivo, per partecipare fattivamente ai diversi ambiti che l'evoluzione dei tempi pongono come passaggi funzionali.

Con l'incontro della comunità di Capodarco nasce la Solaria che volge la sua attività a sostegno, cura e assistenza socio-sanitaria di quella "umanità speciale" caratterizzata da disabilità mentale.

Inoltre vi sono società compartecipate attraverso le quali la cooperativa ha consolidato la sua presenza storica in territori montani presidiati dall'inizio della propria attività o rafforzando la propria struttura con l'intento di garantire un cauta ma progressiva crescita.

La fondazione risponde e costituisce l'impegno della Cooperativa di permanere e rendere vivo il principio cristiano della solidarietà, dell'aiuto e della condivisione. La fondazione Don Lino Ramini, costituita dopo la scomparsa improvvisa di Mons. Ramini nel 2006, opera sia in Italia che all'estero attraverso l'apporto di energie umane, materiali ed economiche atte a salvaguardare, educare e sostenere le attività missionarie, educative e di sostegno in Uganda, in Etiopia, in Myanamar e in Italia fino alle parrocchie del territorio in cui la cooperativa ha sede.

"La cooperativa"

Centinaia di persone hanno lavorato, soggiornato, sono venute in contatto, collaborato e vissuto "la cooperativa" e ad ognuna di esse la 13 Maggio è grata per il contributo umano e per l'esperienza generata da questo contatto. "la cooperativa", un nome generico che nel nostro caso individua e sottintende un mondo specifico di cui si cerca preservarne ed ampliarne il buon progetto a beneficio di tutti.

i nostri partner